Rapine aggravate in concorso, lesioni personali, violenza o minaccia a pubblico ufficiale, danneggiamento e porto di armi od oggetti atti ad offendere. Sono le accuse rivolte ai tre minori arrestati, due in carcere e uno ai domiciliari, a Carugate nel Milanese e a Brugherio in Brianza. L’operazione è stata condotta dai carabinieri del Comando Provinciale di Milano in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale per i Minorenni del capoluogo lombardo.

L’attività investigativa, condotta dai militari di Carugate e di Pioltello, nasce da una rapina avvenuta nella serata del 21 ottobre 2021 a Carugate, quando un 33enne, mentre rincasava, era stato avvicinato da tre giovani malviventi che, dopo averlo minacciato ed aggredito con pugni al volto, si erano fatti consegnare il telefono cellulare, un paio di cuffie wireless e un computer portatile.

Sono stati individuati un gruppo di ragazzi (tutti accomunati da un nickname in rete contenente l’identificativo “20061“, corrispondente al Cap del comune di Carugate), tra i quali i tre indagati, tutti italiani e di età compresa tra i 16 e i 17 anni, dediti in maniera sistematica alla commissione di reati contro la persona e contro il patrimonio nel paese in provincia di Milano. Si ritiene siano coinvolti, tra ottobre e dicembre 2021, in 3 rapine aggravate, 3 violente aggressioni anche nei confronti di una guardia giurata e di un sottufficiale della Guardia di Finanza, 2 danneggiamenti ed infine un episodio di minaccia a pubblico ufficiale quando, fermati da una pattuglia dei carabinieri, si erano dati alla fuga minacciandoli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Rems, per la Consulta serve subito una legge: “profili di frizione” con la Costituzione nel funzionamento delle strutture per malati psichici autori di reati

next
Articolo Successivo

Camilla Canepa, le indagini – I medici sapevano che aveva fatto il vaccino ma non lo scrissero nella cartella clinica

next