Un fondo, finanziato con 50 milioni nel 2022 e 100 nel 2023, per gli indennizzi per gli eventuali danni legati ai vaccini non obbligatori, come quello anti-Covid: è una delle novità emersa nel corso della cabina di regia su bollette e sostegni Covid. La norma che entrerà nel nuovo decreto è un’aggiunta alla legge 210/92 che prevede già gli indennizzi ma solo per i vaccini obbligatori. Per “coloro che abbiano riportato lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione permanente della integrità psico-fisica, a causa della vaccinazione anti-Covid” sono previsti rimborsi per una spesa complessiva di 150 milioni di euro, si legge nella bozza del testo.

La questione era già stata posta nelle scorse settimane dal ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti che, secondo quanto riportano le agenzie di stampa, ha espresso soddisfazione per il recepimento della misura insieme ai colleghi della Lega Erika Stefani e Massimo Garavaglia. “È una buona cosa che il governo abbia deciso di stanziare un fondo”, commentano anche i senatori Pd Dario Parrini, Simona Malpezzi e Valeria Valente. “È importante – aggiungono – perché in questo modo si toglie un altro alibi all’indegno armamentario propagandistico dei no-vax e perché si recepisce sul piano normativo un orientamento nettamente fissato dalla Corte costituzionale in diverse sue recenti sentenze, secondo le quali ai fini di eventuali indennizzi non è legittimo discriminare tra vaccinazioni obbligatorie e vaccinazioni raccomandate”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Green Pass nei negozi, le regole del Dpcm: chi non lo ha può comprare tutto nei supermarket, ma senza tampone non si può ritirare pensione

next
Articolo Successivo

Covid, Crisanti a La7: “Variante più cattiva in autunno? Poco probabile. Senza i vaccini, precedenti ondate sarebbero solo un antipasto”

next