BERLUSCONI AL QUIRINALE? NO GRAZIE. Firma anche tu la petizione su Change.org

Forse non accadrà. Forse Silvio Berlusconi non sarà mai Capo dello Stato. Ma se dovesse malauguratamente succedere che venga eletto al Quirinale, sia chiaro che come maestro mi rifiuterò di avere in aula la fotografia di una persona che non è un modello educativo per i bambini.

Ai miei ragazzi parlo ogni giorno della Costituzione: come potrei avere l’immagine di un uomo che ha fatto parte della P2? Ai miei bambini parlo ogni anno, in occasione della Giornata dei diritti dell’Uomo, anche di chi calpesta i diritti delle donne e la loro dignità: come potrei avere in aula la fotografia di un uomo che in casa sua ha permesso che vi fosse “un’attività prostitutiva”?

Ai miei alunni parlo di Giovanni Falcone e di Paolo Borsellino, di Peppino Impastato e di padre Puglisi, di don Diana e di Rocco Chinnici. In classe c’è sempre la fotografia dei due magistrati uccisi nel 1992: come potrei accanto ai loro volti mettere quello di un uomo che ha ospitato a casa sua un mafioso e che ha pagato, per mezzo di Marcello Dell’Utri (condannato a sette anni per concorso esterno in associazione mafiosa) somme di denaro a Cosa Nostra?

Ai miei studenti ricordo quanto la libertà di parola – stabilita dall’articolo 21 della Costituzione – sia preziosa, raccontando loro dei giornalisti in carcere in Turchia e in altri Paesi: come potrei avere davanti ogni giorno la faccia di chi, quando era presidente del Consiglio, ha epurato tre giornalisti (Biagi, Santoro e Luttazzi)?

Ai miei allievi insegno l’onestà, parlo loro di Aldo Moro; di Altiero Spinelli quando spiego la nascita dell’Europa; del presidente Sandro Pertini; di Nelson Mandela: come potrei spiegare loro che il nuovo presidente una sera ha chiamato in questura dicendo che una ragazza marocchina (che era stata a casa sua) fosse la nipote dell’allora presidente egiziano Hosni Mubarak?

Credo che qualsiasi insegnante ma anche qualsiasi dirigente scolastico, qualora dovesse accadere che il Cavaliere diventasse Capo dello Stato, abbia il dovere di difendere la credibilità della Scuola italiana, lasciando appeso al muro la foto del presidente Sergio Mattarella. A meno che quel quadretto non abbia alcun valore: allora sarebbe meglio toglierlo proprio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

“Riccardo Fraccaro ha incontrato Salvini e promesso voti per Tremonti al Colle”. Procedimento disciplinare per il deputato M5s

next
Articolo Successivo

De Luca: “Se fossimo nelle mani dei ministeri avremmo l’ecatombe. A Roma non sono capaci. Bianchi? Mistifica dati, situazione scuole caotica”

next