I pm di Milano stanno analizzando tutti gli stratagemmi diffusi nel calciomercato italiano per rimettere a posto i bilanci nell’inchiesta sulle plusvalenze realizzate dall’Inter nelle stagioni 2017/18 e 2018/19. Dopo che ieri era circolata la notizia dell’attenzione della Guardia di Finanza, coordinata dall’aggiunto Romanelli e dai pm Cavalleri e Polizzi, sulle operazioni con ‘recompra’, oggi emerge che gli inquirenti hanno concentrato le proprie ricerche anche su quelle operazioni a ‘saldo zero’, la cosiddetta ‘camera di compensazione’ che prevede trasferimenti di giocatori sulla carta, con tanto di valore economico indicato, ma che nella sostanza rappresentano dei semplici scambi nei quali spesso non vi è nemmeno il trasferimento della somma di denaro stabilita, se non in un secondo momento. Un meccanismo che, così, contribuirebbe a gonfiare i bilanci dei club coinvolti ma che, allo stesso tempo, non prevede uno spostamento di denaro effettivo dalle casse dei club.

Come detto, questo meccanismo esiste solo in Italia e permette, nel corso delle operazioni di scambio di giocatori, di non muovere denaro e di ‘congelare’ i passaggi di soldi pur realizzando plusvalenze. E questo è uno dei temi principali al centro dell’inchiesta milanese perché dovrà essere valutato come questo sistema abbia inciso sui rendiconti finanziari e se possa aver creato altri profili di presunte irregolarità.

Ieri era emerso inoltre che i finanzieri stavano analizzando le cessioni col cosiddetto diritto di ‘recompra’. Si tratta di veri e propri trasferimenti di giocatori, nella maggior parte dei casi avvenuti con la formula del prestito con diritto di riscatto, che permettono alla squadra di origine che ha mandato l’atleta, generalmente giovane, a giocare in un club dove può trovare spazio di riacquistarlo a un prezzo maggiore rispetto alla quota fissata per il riscatto da parte dell’altra società. In questo modo, il club di origine potrà riavere il proprio giocatore pagando un sovrapprezzo, solitamente di pochi milioni di euro, ma realizzando una plusvalenza e potendo spalmare i costi su più anni. Mentre l’altra squadra che ha dato spazio all’atleta realizzerà essa stessa la plusvalenza legata all’extra versato dal club di origine.

L’inchiesta milanese – partendo da una decina di operazioni tra scambi, cessioni, prestiti, messe a bilancio dall’Inter tra il 2017 e il 2019 per circa 90 milioni di euro di plusvalenze – punta il faro su quelle nelle quali i calciatori sarebbero stati valutati per cifre che sembrano “marcatamente sproporzionate” rispetto ai valori effettivi. Tra i casi al vaglio quelli del portiere Ionut Radu (7,7 milioni di plusvalenza) e dell’attaccante Andrea Pinamonti (plusvalenza 19 milioni), ‘rimbalzati’ tra Genoa e Inter in due anni, ma anche del difensore Zinho Vanheusden o di altri giocatori di fascia medio-bassa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Serie A, il pagellone di Natale del Fatto.it: Inter ok, che bello il nuovo calcio di provincia. Ma il vero fallimento è del sistema

next
Articolo Successivo

Ti ricordi… Il gol di Antonio Pacheco all’Inter: raro acuto in una carriera con qualche giocata, macchine incendiate e poca voglia di correre

next