Se arrivando ad ‘Atreju – Il Natale dei Conservatori’, Matteo Renzi aveva con esso poche domande e poco tempo ai giornalisti, al termine del suo intervento concede una lunga intervista a ‘Le Iene’.

Il tema è, inevitabilmente, la prossima elezione del Presidente della Repubblica. L’ex presidente del Consiglio e fondatore di Italia Viva, evitando di dire qual’è la sua preferenze dichiara che “Casini, come Violante o Marcello Pera” hanno chances in quanto “hanno una caratteristica” perché “nella storia italiana uno che ha fatto il Presidente della Camera e del Senato di solito è considerato un arbitro e hanno una carta in più”.

Renzi, a supporto della sua tesi, elenca i precedenti di Pertini, Cossiga, Scalfaro e Napolitano. “Poi c’è stato Ciampi che era stato un governatore della Banca d’Italia e presidente del Consiglio, ovvero Ciampi e Mattarella, che era stato Ministro fu il primo che veniva dalla Corte Costituzionale”.

Sulle possibilità di Berlusconi, Renzi resta vago ed evita di cassarlo. “Ha poche chances? Non ho detto questo”. E sul destrino di Mario Draghi, a ilfattoquotidiano.it, dichiara che: “se Draghi rimane presidente del Consiglio son contento, contemporaneamente se diverrà Presidente della Repubblica farebbe bene anche lì”. Dove andrà? “E’ troppo presto per dirlo. Tra un mese glielo dico”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sono stato fregato dal superbonus 110%! Poche speranze per le case unifamiliari

next
Articolo Successivo

Bologna, Andrea Orlando in visita al presidio dei lavoratori della Saga Coffee : “Impedire alle aziende di licenziare con email e messaggi”

next