In diretta dal Centro giovanile Sandro Pertini di Napoli, l’incontro organizzato da Il Fatto QuotidianoSecondigliano, un’altra Napoli – Dove morti e bambini convivono per strada, con il presidente della Camera Roberto Fico, il neoeletto sindaco della città Gaetano Manfredi, il procuratore della Repubblica Giovanni Melillo, l’animatore dell’associazione di quartiere Larsec Vincenzo Strino e la vicedirettrice del Fatto Quotidiano, Maddalena Oliva, autrice di un reportage su Secondigliano per FQ MillenniuM.

Per la prima volta si trovano seduti assieme in questo luogo di frontiera istituzioni e società civile, per discutere della linea della disuguaglianza, quella “frattura socio-territoriale” che ha segnato l’ultimo voto alle elezioni amministrative e la bassa partecipazione elettorale (a Secondigliano ha votato il 42,6% della popolazione, cinque punti in meno della affluenza di Napoli), e, soprattutto, che segna, spesso in maniera indelebile, le esistenze di uno dei quartieri più giovani della città, dove i tassi di abbandono scolastico riguardano un bambino su due.

L’iniziativa è organizzata da Il Fatto Quotidiano, FQ MillenniuM e la neonata Fondazione Il Fatto Quotidiano, insieme a Larsec.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Suicidio assistito, la lettera di Mario: “È un mio diritto. Mi state condannando a soffrire ogni giorno di più, a essere torturato”

next
Articolo Successivo

Donne dimenticate dai media: se ne occupa il 26% dei servizi, quasi mai contro stereotipi o disuguaglianze. E le esperte intervistate? Poche e addirittura in calo

next