L’amministratore delegato di Tim Luigi Gubitosi ha rimesso le deleghe al consiglio di amministrazione del gruppo. L’ incarico passa, ad interim, al presidente Salvatore Rossi. L’incarico di direttore generale passerebbe a Pietro Labriola, attualmente numero uno di Tim Brasil. Gubitosi rimane in cda come consigliere. Lo si apprende da fonti finanziarie. La possibilità di un passo indietro con l’obiettivo di velocizzare l’offerta del fondo statunitense Kkr era stata prospettata ieri dallo stesso Gubitosi. Il manager è da tempo nel mirino del primo socio Vivendi, azionista di Tim con il 24%, che giudica deludenti i risultati ottenuti sinora dall’amministratore delegato.

Ieri si è saputo che il fondo Kkr avrebbe avviato colloqui con il gruppo di private equity Cvc per una collaborazione nell’Opa sul gruppo italiano. Sembrerebbe invece sfilarsi Advent International, che aveva iniziato delle trattative per Cvc per un’operazione, a quanto pare sfumata, alternativa a quella di Kkr. Il titolo Tim ha chiuso oggi in calo dello 0,7% a fronte del crollo del 4,7% che ha caratterizzato l’intero indice di piazza Affari.

Oggi il ministro per l’Innovazione tecnologica e transizione digitale, Vittorio Colao, ha affermato che “Le vicende di mercato le lasciamo al mercato, ovviamente osserviamo la situazione, perché abbiamo a cuore la sicurezza delle reti e dei dati italiani e per quanto mi riguarda i piani di sviluppo di banda larga e 5G”. Le segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil confermano la mobilitazione unitaria a difesa dei lavoratori di Tim, con un presidio al ministero dello Sviluppo economico lunedì prossimo a partire dalle 9.30 e davanti alle prefetture di tutta Italia “per urlare tutto il loro sdegno di fronte all’atteggiamento del Governo riguardo la vicenda della rete unica di tlc e la situazione di forte conflittualità che è esplosa nuovamente nel gruppo Tim.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Turchia, con la lira a picco i grossisti non riesco più a pagare le aziende estere. Prime carenze di farmaci e di altri beni

next
Articolo Successivo

Ostia, la nuova amministrazione Pd stoppa il bando per il rinnovo delle concessioni balneari

next