È tornato libero Gabriele Tadini, il capo del servizio operativo della funivia Stresa-Mottarone, precipitata lo scorso 23 maggio uccidendo 14 persone. Sei mesi dopo il suo arresto, a revocare gli arresti domiciliari per scadenza dei termini di custodia cautelare – su richiesta della Procura – è stata la gip di Verbania, Elena Ceriotti. “Si tratta di un atto dovuto”, ha commentato il suo legale, Marcello Perillo. Nel provvedimento, la giudice osserva anche che Tadini non ha commesso alcuna violazione dei limiti imposti dall’ordinanza cautelare.

Tadini, insieme al proprietario della funivia Luigi Nerini e al responsabile dell’esercizio Enrico Perocchio, era stato arrestato lo scorso 29 maggio dopo aver confessato di aver lasciato inseriti i forchettoni che impediscono ai freni di entrare in funzione in caso di emergenza. I tre sono indagati per omicidio colposo plurimo. Il Tribunale del Riesame, al quale si era appellata la procura di Verbania, ha recentemente stabilito anche per Nerini e Perocchio (liberati dopo l’interrogatorio di garanzia) la necessità dei domiciliari, ma la misura nei loro confronti è sospesa in attesa dell’esito del ricorso in Cassazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Processo da rifare per i fratelli Remo. La Cassazione accoglie il ricorso contro la condanna a 7 anni per concorso esterno

next
Articolo Successivo

Alex Pompa, assolto dopo aver ucciso il padre. I giudici che lo liberarono: “Maltrattamenti e perenne timore per l’incolumità della madre”

next