Dal primo dicembre tutti gli italiani maggiorenni potranno ricevere la terza dose del vaccino anti-Covid, se sono passati almeno 5 mesi da quando è stata loro somministrata la seconda. Di pari passo con le misure per contenere l’aumento dei contagi, il governo italiano annuncia anche la nuova accelerazione della campagna vaccinale. Prima ha deciso di ridurre da 6 a 5 mesi l’intervallo tra il completamento del primo ciclo e la somministrazione del cosiddetto “booster”. Poi dando il via libera a tutti i maggiorenni: “Da oggi è possibile avere il richiamo a 5 mesi e ci apprestiamo a una ulteriore modifica: dal primo dicembre allargheremo la platea anagrafica della dose di richiamo. Sarà possibile la dose richiamo sopra i 18 anni“, ha spiegato il ministro della Salute Roberto Speranza in conferenza stampa a Palazzo Chigi.

Al momento hanno ricevuto la terza dose poco meno di 4 milioni di italiani, a cui aggiungere altre 764.394 persone immunocompromesse che hanno ricevuto la dose addizionale. Un numero ancora bassissimo, che si scontra con l’esigenza di rafforzare la protezione del virus nella popolazione prima che la nuova ondata pandemica arrivi al suo picco. Dopo i 6 mesi la protezione dal rischio di infezione, infattim si riduce a poco sopra il 50%. Anche per questo, il ministro Speranza ha annunciato che “la durata del Green pass sarà di 9 mesi“, non più di un anno come finora previsto.

L’altra novità in ambito vaccinale prevista nel nuovo decreto è l’estensione dell’obbligo a nuove categorie: “Al personale non sanitario che lavora nel resto del comparto salute, alle forze dell’ordine e ai militari, e a tutto il personale scolastico“, ha spiegato ancora Speranza. “L’estensione dell’obbligo interesserà anche la terza dose”, ha chiarito il ministro della Salute.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Green pass, ecco dove servirà quello rafforzato fino al 15 gennaio 2022: dai ristoranti alle feste. Obbligo di tampone sui mezzi pubblici

next
Articolo Successivo

Friuli Venezia Giulia, rinvio a giudizio per la vicenda delle mascherine “taroccate”. L’indagine nasce da un dossier del M5s

next