Spetterà ai prefetti e ai Comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza pubblica definire i piani per rafforzare il sistema dei controlli con l’entrata in vigore delle nuove misure anti-Covid. La linea del governo è chiara ed è stata presentata nel corso dell’ultimo vertice con le Regioni. Così, dopo che ieri alcuni Comuni italiani hanno già iniziato a dare disposizioni locali ai propri cittadini, oggi arrivano le misure di altre importanti città: Roma pensa a transennamenti e accessi contingentati in piazze generalmente affollate e nelle vie dello shopping, mentre a Milano torneranno le mascherine obbligatorie anche all’aperto nelle vie del centro.

Roma, no alla folla in centro
Con i contagi in continua ascesa e il timore di dover ricorrere a misure estreme che darebbero un nuovo duro colpo all’economia del Paese nel periodo natalizio, la capitale corre ai ripari. E secondo quanto si apprende nelle prossime riunioni del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza si discuterà su due provvedimenti: transennamenti nelle principali vie dello shopping e accessi contingentati nelle piazze più frequentate della Capitale. Una riproposizione di ciò che è già avvenuto l’anno scorso sia a Roma che in altre grandi città italiane.

Milano, mascherina obbligatoria per le vie del centro
Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, anche nel capoluogo lombardo, già dal prossimo weekend, il prefetto Renato Saccone pensa a una nuova stretta: obbligo di mascherina all’aperto nelle principali vie dello shopping come corso Vittorio Emanuele, piazza Duomo, Galleria Vittorio Emanuele II, via Dante e Castello Sforzesco. Saccone ha inviato a tutti i sindaci della provincia un invito a prendere misure sanitarie restrittive che possano contrastare la risalita dei contagi. E a fare da capofila ci sarà proprio Milano.

Saranno così interessate tutte le aree molto affollate, quelle dove si terranno eventi, mercatini o particolarmente frequentate per la presenza di negozi per i regali di Natale. Nei giorni scorsi si era parlato anche di contingentare gli ingressi in Galleria Vittorio Emanuale. “Sono pronto ad ascoltare gli esperti perché alcune cose si possono fare – aveva commentato il sindaco Beppe Sala – Ad esempio una l’abbiamo già fatta, ho detto che non si fa il concerto di Capodanno in piazza”.

Aosta come Milano: protezioni individuali nel weekend
Anche ad Aosta la linea sembra ormai tracciata. Il sindaco Gianni Nuti ha annunciato un’ordinanza per rendere l’obbligatoria la mascherina anche all’aperto per tutti i fine settimana fino alla fine delle vacanze natalizie. “Vogliamo dare un segno di mobilitazione e cercare di contenere i contagi, soprattutto pensando a momenti come lo scorso sabato quando la città ricordava i giorni della Fiera di Sant’Orso“, ha detto durante il Consiglio comunale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Vaccino Covid, via libera alla prenotazione della terza dose a 5 mesi in Lombardia

next
Articolo Successivo

Coronavirus, i dati – 12.448 contagi con 562mila tamponi: mai così tanti dal 1 maggio. Tasso di positività sale al 2,2%. Altre 85 vittime

next