È stata una notte, la seconda consecutiva, di manifestazioni e scontri con la polizia nei Paesi Bassi, con i manifestanti anti-lockdown che sono scesi in piazza in diverse città del Paese, arrivando anche al faccia a faccia con le forze dell’ordine. Così 40 manifestanti sono stati arrestati in tre diverse province olandesi.

Le autorità hanno usato cannoni ad acqua, cani e polizia a cavallo per bloccare i manifestanti in rivolta che hanno appiccato incendi e lanciato pietre contro gli agenti: cinque di loro sono rimasti feriti all’Aja, dove è stato registrato il maggior numero di arresti. Altri disordini sono avvenuti in due città nella provincia meridionale di Limburg, nella città di Urk e nella provincia settentrionale di Flevoland.

Il governo del premier Mark Rutte ha deciso il 12 novembre scorso di tornare a un lockdown parziale di tre settimane nel Paese, dopo l’aumento preoccupante dei contagi da coronavirus. Tra le misure messe in campo ci sono la chiusura di bar e ristoranti alle 20 e dei negozi di beni non essenziali alle 18. Via anche i tifosi dagli stadi. Ampliata la gamma di luoghi in cui sarà necessario mostrare il green pass. Le restrizioni si applicheranno almeno fino al prossimo 4 dicembre. Tra queste torna anche la forte raccomandazione allo smart working – da evitare solo se indispensabile – e al ricevere a casa massimo 4 persone. Nei luoghi di lavoro tornerà il distanziamento sociale obbligatorio di 5 metri. Salvi – ma con restrizioni sulla capienza – cinema e teatri. L’asporto sarà consentito e non è previsto il coprifuoco.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Israele, attacco alla Spianata delle Moschee: ucciso un 26enne, tre i feriti (anche due agenti). Morto l’attentatore: “Era un leader di Hamas”

next