A ottobre sono state 1.357.171 le famiglie beneficiarie del reddito o della pensione di cittadinanza con un importo medio del sussidio di 544 euro. Le persone interessate sono 3.012.087. Lo rileva l’Inps nell’Osservatorio sul reddito, spiegando che il 44% dei nuclei beneficiari (606.436) è composto da una sola persona. Altre 196.975 famiglie sono composte da due adulti senza presenza di minori. I nuclei con presenza di minori sono 441.739 per un totale di 1,635.082 persone coinvolte. Nel complesso, tra i percettori ci sono 2,57 milioni di cittadini italiani, 313mila cittadini extra comunitari con permesso di soggiorno Ue e circa 118mila cittadini europei. La distribuzione per aree geografiche vede 583mila beneficiari al Nord, 424mila al Centro e due milioni nell’area Sud e Isole.

I nuclei che hanno avuto almeno una mensilità tra gennaio e ottobre sono stati 1.713.101 per 3.843.354 persone interessate. Nei primi dieci mesi del 2021, le revoche raggiungono il numero di quasi 96mila nuclei e le decadenze sono oltre 262mila, si legge ancora. Le revoche sono solitamente motivate per lo più dalla mancanza del requisito di residenza o cittadinanza italiana mentre le decadenze scattano a causa dell’incremento dell’Isee al di sopra della soglia massima.

Sempre nei primi dieci mesi dell’anno sono stati spesi per reddito e pensione di cittadinanza oltre 7,27 miliardi. A ottobre la spesa è stata pari a 739,07 milioni per oltre 1,35 milioni di famiglie e un importo medio di 544 euro. Da aprile a ottobre la media della spesa si è assestata abbondantemente oltre i 700 milioni al mese e questo lascia ipotizzare che l’importo complessivo per il 2021 possa superare quota 8,7 miliardi. Il governo Draghi ha per questo rifinanziato la misura, per il 2022, con oltre 1 miliardo. Oltre a introdurre una serie di modifiche in senso restrittivo, che difficilmente peròavranno effetti concreti.

A dimostrazione di uno dei principali punti deboli della misura, non affrontato dalla manovra, le cifre mostrano che le famiglie numerose percepiscono non molto di più rispetto ai single. L’importo medio a famiglia per i nuclei con minori è di 658 euro e arriva a un massimo di 698 euro per quelle con quattro componenti, a fronte dei 489 euro medi per le famiglie senza minori e 445 euro per i single.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reddito, le modifiche del governo rispondono a una narrazione ideologica sui beneficiari. E i veri problemi non vengono affrontati

next
Articolo Successivo

Lavoro sottopagato – Stage da 200€ e competizione massacrante: le storie della ristorazione stellata. “Hell’s Kitchen? Non è finzione”

next