Caesy Stoner, l’ex pilota australiano principale sfidante di Valentino Rossi tra il 2007 e il 2012, è tornato nel paddock del motomondiale per il Gp dell’Algarve a Portimaõ, in Portogallo. Lo ha fatto in grande stile, come coach di Francesco “Pecco” Bagnaia, che ha vinto in gara con la Ducati ed è secondo nel mondiale già conquistato dal francese Fabio Quartararo, che invece è caduto in pista. Non sono mancate in conferenza stampa le domande sulla rivalità storica con il pilota di Tavullia, al suo ultimo motomondiale, che Stoner ha accettato di buon grado. “Non vedo l’ora di riabbracciare Vale – ha detto – Da lui ho imparato molto e vincere contro di lui ha dato ancora più valore ai miei risultati. Peccato che non abbia potuto lottare con i migliori nell’ultima parte della sua carriera, ma voleva continuare a correre e ha fatto bene a seguire il suo istinto. Ora potrà dedicarsi a fare il papà e si divertirà moltissimo“.

Parole di stima che Valentino ha ricambiato all’istante, dichiarando: “Vado a salutarlo molto volentieri, adesso posso dire di essermi goduto le sfide con Stoner. Lui è uno con un grande talento e tanta velocità. È stato un rivale molto forte, grandi battaglie, con il valore aggiunto che guidavamo due moto differenti, io con la Yamaha e lui con la Ducati. Adesso le rivalità sono un po’ differenti, perché anche se dici qualcosa di piccolo, ha un’eco enorme. Dieci anni fa era più facile, ma il mondo adesso va così”. Valentino Rossi, nove titoli iridati nel palmarès, ha vinto praticamente di fila tutti i titoli dal 2002 al 2009, con solo due incidenti di percorso. Il primo fu il motomondiale vinto nel 2006 dall’americano Nicky Hayden, morto a Cesena nel 2017, e poi proprio da Casey Stoner nel 2009 e nel 2011. Graziano Rossi, padre di Valentino ed ex motociclista – è da lui che Vale ha preso il numero 46 – in un’intervista a Sky ha spiegato che l’australiano è stato un rivale diverso dagli altri: “È quello che ho stimato di più. Un sacco di segreti inspiegabili, difficilissimo capire come facesse ad andare così forte, a mettercisi contro”.

Un evento storico quello di oggi, dopo anni di litigi in pista e fuori tra Rossi e Stoner, che hanno fatto la storia recente della MotoGp. Due su tutti, segnati da due frasi: “This is racing, Caesy” disse Valentino, con la risposta a distanza di tre anni dell’australiano con quel “la tua ambizione ha superato il tuo talento“. La prima la pronuncia in diretta Valentino, prima di salire sul podio nel Gp della California a Laguna Seca, dopo un testa a testa quasi 20 giri. La Ducati di Stoner è davanti, è l’ultimo giro e Rossi decide di entrare stretto nella sequenza in discesa di curva e controcurva detta del “cavatappi“. Per la velocità e la vicinanza delle moto, Rossi finisce sulla terra, ma riesce a stare su e a vincere. A fine gara andrà ironicamente a baciare la terra del cavatappi che era ancora in pista, un’immagine stampata in molti circoli sportivi e anche sui camion. L’australiano è davanti in classifica, ma la vittoria di Rossi, a sette gare dalla fine, è una sconfitta psicologica per Stoner, che molla la presa e perde il mondiale.

Lo vincerà nel 2011, riuscendo anche a dire a Valentino che è “più ambizioso che talentuoso”. A Jerez Valentino Rossi parte dalla 12a casella e con una grande rimonta riesce in soli sette giri a raggiungere Stoner, quando forse per la foga di superarlo prende male una curva stretta e va giù, portandosi dietro anche l’australiano. Rossi si rimette in sella, Stoner non ce la fa ma non lascia la pista. Aspetta il giro successivo, per applaudire ironico al passaggio di Valentino. Oggi invece si fanno fotografare insieme, abbracciati, e Stoner ha annunciato che sarà presente nel paddock anche all’ultima gara, a Valencia, l’ultima gara della carriera di Valentino Rossi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Canelo Alvarez manda ko Caleb Plant: è il primo campione assoluto dei supermedi, il sesto nella storia della boxe

next