Due giovani incensurati di 26 e 27 anni, Giuseppe Fusella e Tullio Pagliaro, sono stati uccisi a colpi d’arma da fuoco alla periferia di Ercolano, in provincia di Napoli, intorno all’una di notte di venerdì. Le vittime, entrambe originarie di Portici, si trovavano all’interno di un’auto ferma e stavano tornando da una partita di calcetto in zona. A sparare con una pistola legalmente detenuta è stato il proprietario di una villetta adiacente, l’autotrasportatore 53enne Vincenzo Palumbo, posto in stato di fermo. La sua posizione è al vaglio degli investigatori che lo stanno ascoltando.

A quanto pare, essendo stato vittima di un furto d’auto a settembre, l’uomo – che vive con la moglie e una figlia – temeva che i due ragazzi si fossero appostati a quello scopo. Giunti sul posto, da subito il pubblico ministero di turno e i Carabinieri hanno escluso l’ipotesi di un agguato di camorra. “Intorno all’una e trenta ho sentito quattro o cinque colpi di arma da fuoco e ho pensato fossero fuochi d’artificio. Poi ho visto sirene e forze dell’ordine e mi sono spaventata molto”, ha detto una vicina all’Ansa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, il monitoraggio: indice Rt cresce a 0,96, “preludio di una recrudescenza dell’epidemia”. Salgono a 18 le Regioni a rischio moderato

next
Articolo Successivo

Sabrina Beccalli, lo sfogo della sorella Simona dopo la sentenza: “L’ha uccisa e bruciata e si becca 6 anni. Solo in Italia succede”

next