“Ma vi pare normale che ci sia stata una manifestazione di parte e di partito il sabato prima del voto a Roma e ci siano stati lacrimogeni e idranti lunedì con le urne aperte a Trieste? Ma neanche in Cile, in Venezuela…“. Sono le parole usate dal leader della Lega, Matteo Salvini, durante il suo intervento il Senato dopo l’informativa della ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, sulle proteste No Green pass e sull’assalto alla sede della Cgil a Roma. “È una vergogna perché abbiamo parlato per 10 giorni di emergenza fascista, ma l’emergenza di questo paese è il lavoro. Se non riuscite a isolare 20 imbecilli che tutti conoscono per nome e cognome vuol dire che non sapete fare il vostro mestiere. Non sono sbarcati da Marte…”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La senatrice Granato si rifiuta di esibire il green pass e viene sospesa, l’annuncio di Casellati: “Interdizione ai lavori per 10 giorni”

next
Articolo Successivo

Assalto alla Cgil, Lamorgese: “Non c’erano infiltrati tra i manifestanti. Agente in borghese verificava la forza ondulatoria sul furgone”

next