“Chiediamo asilo politico alla Svezia perché il nostro governo, negandoci il lavoro, ci nega tutto, compreso il diritto alla casa. Se non abbiamo una casa, secondo il diritto internazionale, siamo rifugiati interni e abbiamo diritto a chiedere asilo politico”. Questa mattina circa 40 cittadini italiani hanno manifestato di fronte all’ambasciata svedese a Roma contro il green pass e per chiedere asilo politico. Presenti al presidio anche il consigliere regionale del Lazio Davide Barillari e la deputata Sara Cunial, entrambi ex M5s. Nel giorno di entrata in vigore del green pass obbligatorio sui luoghi di lavoro, i due, non vaccinati, avevano annunciato di voler occupare a oltranza l’ufficio di Barillari in Consiglio regionale: ma già la sera di venerdì hanno abbandonato il proposito per l’impossibilità di procurarsi acqua e cibo, poiché, senza il pass, non gli è stato possibile neppure recarsi al bar della sede istituzionale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carabinieri, il sindacato Nsc: “I militari non vaccinati esclusi dagli alloggi nelle caserme”

next
Articolo Successivo

Reggio Calabria, scoperti 235 ghiri congelati e destinati al consumo: tre arresti per uccisione di specie protetta

next