“Riteniamo importante che il governo italiano abbia deciso di costituirsi parte civile. Prendiamo atto con amarezza della decisione della Corte che premia la prepotenza egiziana. È una battuta di arresto, ma non ci arrendiamo. Pretendiamo dalla nostra giustizia che chi ha torturato e ucciso Giulio non resti impunito”. Lo ha detto l’avvocata Alessandra Ballerini, legale della famiglia Regeni alla fine dell’udienza nell’aula bunker di Rebibbia al termine della quale i giudici hanno ‘cancellato’ il processo rimandando gli imputati davanti al giudice per l’udienza preliminare. Insieme al legale erano presenti i genitori di Giulio, Paola Deffendi e Claudio Regeni e la sorella Irene. ”Chiedo a tutti voi di rendere noti i nomi dei 4 imputati e ribaditelo, così che non possano dire che non sapevano”, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Omicidio Regeni, stop al processo agli 007 egiziani. La corte: “Imputati non raggiunti da alcun atto ufficiale”. Si torna in udienza preliminare

next
Articolo Successivo

Omicidio Regeni, il momento della lettura del dispositivo dei giudici che ‘cancella’ il processo

next