Fumo visibile dai palazzi, persone nascoste dietro ai cassonetti, pronte a sparare. Sono le scene di guerriglia che in queste ore stanno interessando Beirut, in Libano. Gli scontri sono nati contro il giudice principale che si occupa delle indagini sulla devastante esplosione del 4 agosto 2020 al porto della città, Tarek Bitar. La protesta è stata organizzata dai sostenitori del gruppo militante sciita Hezbollah e del suo alleato, il movimento sciita Amal. Entrambi vogliono che al giudice Bitar venga revocata l’indagine.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libano, Hezbollah e Amal contro il giudice del processo per l’esplosione al porto di Beirut: ‘Politicizza il caso’. Ecco il perché degli scontri

next
Articolo Successivo

Los Angeles, il porto è in tilt: decine di navi bloccate in attesa di scaricare le merci – Video

next