Il Premio Nobel per l’economia 2021 è stato assegnato al canadese David Card e per metà, congiuntamente, agli statunitensi Joshua D. Angrist e Guido W. Imbens. I vincitori, spiega l’accademia, “ci hanno fornito nuove informazioni sul mercato del lavoro e hanno mostrato quali conclusioni su causa ed effetto si possono trarre dagli esperimenti naturali. Il loro approccio si è diffuso in altri campi e ha rivoluzionato la ricerca empirica”. Card in particolare – insieme ad Alan Krueger, consigliere della Casa Bianca scomparso nel 2019 e co-autore di molte delle sue ricerche – ha smontato la credenza, in voga fino ai primi anni ’90, secondo cui l’aumento del salario minimo per legge rischia di ridurre l’occupazione e quella in base alla quale l’afflusso di immigrati farebbe calare gli stipendi dei ‘nativi’ a bassa specializzazione. Oltre a stabilire con certezza che le risorse investite nella scuola sono decisive sul futuro degli allievi.

“Molte delle grandi domande nelle scienze sociali riguardano causa ed effetto”, spiega la Royal Swedish Academy of Sciences. “In che modo l‘immigrazione influisce sui livelli salariali e occupazionali? In che modo un’istruzione più lunga influisce sul reddito futuro? È difficile rispondere a queste domande perché non abbiamo nulla da usare come paragone. Non sappiamo cosa sarebbe successo se ci fosse stata meno immigrazione o se quella persona non avesse continuato a studiare”. Tuttavia, “i vincitori di quest’anno hanno dimostrato che è possibile rispondere a queste e ad altre domande simili utilizzando esperimenti naturali. La chiave sta nell’usare situazioni in cui eventi casuali o cambiamenti politici hanno come risultato che ci siano gruppi di persone trattati in modo diverso, in un modo che assomiglia ai trial clinici in medicina”.

Utilizzando esperimenti naturali, David Card ha analizzato “gli effetti sul mercato del lavoro di salari minimi, immigrazione e istruzione. I suoi studi dei primi anni ’90 hanno sfidato le nozioni convenzionali, portando a nuove analisi e ulteriori intuizioni. I risultati hanno mostrato, tra l’altro, che l’aumento del salario minimo non porta necessariamente a un minor numero di posti di lavoro“. Confrontando i fast food in New Jersey e Pennsylvania, ha dimostrato che l’aumento del salario minimo in New Jersey non aveva affatto diminuito gli occupati. Sempre grazie alle sue ricerche “Ora sappiamo che i redditi delle persone nate in un paese possono beneficiare di nuova immigrazione, mentre le persone immigrate in precedenza rischiano di essere influenzate negativamente. Ci siamo anche resi conto che le risorse disponibili nelle scuole sono molto più importanti per il futuro successo degli studenti nel mercato del lavoro di quanto si pensasse in precedenza”.

Tuttavia, i dati di un esperimento naturale sono difficili da interpretare. “Ad esempio, l’estensione dell’istruzione obbligatoria di un anno per un gruppo di studenti (ma non per un altro) non avrà lo stesso effetto su tutti i membri di quel gruppo. Alcuni studenti avrebbero comunque continuato a studiare e, per loro, il valore dell’istruzione spesso non è rappresentativo dell’intero gruppo. Quindi, è anche possibile trarre conclusioni sull’effetto di un anno in più a scuola? A metà degli anni ’90, Joshua Angrist e Guido Imbens hanno risolto questo problema metodologico, dimostrando come dagli esperimenti naturali si possano trarre conclusioni precise su causa ed effetto”.

“Gli studi di Card sulle questioni fondamentali per la società ei contributi metodologici di Angrist e Imbens hanno dimostrato che gli esperimenti naturali sono una ricca fonte di conoscenza. La loro ricerca ha sostanzialmente migliorato la nostra capacità di rispondere a domande causali chiave, il che è stato di grande beneficio per la società”, commenta Peter Fredriksson, presidente del Comitato del Premio per le scienze economiche.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fisco, Ruffini (Entrate): “Con 800 leggi il sistema è giungla in cui l’evasore si nasconde. Utile l’intervento del governo sulla privacy”

next