“Ho promesso agli elettori della mia lista civica che non avrei fatto accordi. Io non chiedo né un accordo, né un apparentamento, né un posto. Per rispetto a loro, per coerenza e onore. Vi ponete il problema sbagliato: quello che voto io è irrilevante”. Così il leader di Azione Carlo Calenda in un video su twitter, parlando del prossimo ballottaggio a Roma, dopo che la sua lista è stata la più votata.

“Gualtieri dà per scontato il mio appoggio, Provenzano dice che ho perso e glielo devo dare, Sgarbi che devo fare l’assessore di Michetti…Il problema è come riconquistate quei 220mila voti“, continua, sottolineando che si conquistano solo “parlando dei temi che interessano loro” e che “sono nel nostro programma” e, conclude, soprattutto “dire che i 5 stelle non metteranno più piede nel governo della città perché hanno lasciato un disastro epocale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni 2021, Paragone: “A Milano ci mancano 54 voti ma sono anche molti di più. Faremo riconteggio e io entrerò in consiglio comunale”

next
Articolo Successivo

Astensionismo record: nella Capitale ha stravinto la Roma pariolina

next