di Raffaele Garbellano

Mentre qui in Italia il dibattito pubblico non va oltre il green pass o poco più, non ci accorgiamo delle cose importanti che avvengono vicino a noi.

La Germania con tutta probabilità avrà un governo a trazione socialdemocratica e verde dopo anni di egemonia Merkel. Possiamo discutere sulla forza che avrà questo governo, sulla forza dei suoi leader, della frammentazione della leadership in una probabile coalizione a tre con i liberali. Ma non possiamo dimenticare il peso della Germania in Europa e quindi del peso che la svolta a sinistra avrà in questo momento storico.

È ragionevole pensare che la trazione socialdemocratica e verde rafforzerà il corso che l’Europa ha preso durante la pandemia: l’affermazione del principio di solidarietà con la storica condivisione del debito, il Recovery fund. È ragionevole (e secondo me auspicabile) che si prosegua in quella direzione con politiche economiche espansive, politica sanitaria comune, politica ambientale sostenibile, politica estera condivisa. Insomma è ragionevole che si prosegua quella rivoluzione verso l’Europa finalmente politica, iniziata per necessità con la pandemia, e trasformata in opportunità dall’intesa in cui l’Italia ha giocato un ruolo decisivo. Intesa sostenuta dal Governo Conte (il governo dei peggiori!).

Ma qui in Italia queste cose non ci interessano. Annebbiati dalla restaurazione tecnocratica, non ci preoccupiamo del futuro. Ci basta sapere che c’è il pilota automatico, che c’è Mario Draghi. Quindi ci possiamo godere aperitivi e campionato, distratti talvolta da dibattiti miopi su misure ovvie di contenimento della pandemia o divertiti da commedie tragicomiche leghiste.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luca Morisi, ovvero una piccola storia ignobile che ci riguarda tutti

next
Articolo Successivo

Non sopporto più il tifo. Né in politica, né in magistratura, né sui giornali

next