Lite alla stazione di rifornimento della città inglese di Chicheste, nel west Sussex. È accaduto venerdì 24 settembre, un vero e proprio giorno nero per la crisi dei trasporti, accentuata da quella energetica, che ha colpito il Regno Unito, dove migliaia di persone si sono ritrovate in coda nei distributori e negli aeroporti. A causa della persistente penuria di camionisti sono iniziate a calare le scorte di carburanti nel Paese e il colosso Bp ha chiuso o ridotto l’erogazione di benzina e diesel in circa 100 stazioni di servizio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Germania al voto, si decide l’erede di Merkel e il futuro dell’Europa: dall’austerità al clima, l’incertezza su quale direzione prenderà Berlino

next
Articolo Successivo

Rwanda, morto il ‘Re del genocidio’ Théoneste Bagosora: stava scontando 35 anni. Kigali, no a revisione del processo allo “Shindler africano”

next