Circa diecimila persone hanno attraversato il centro di Torino in sostegno dei diritti Lgbtqi+ in occasione della manifestazione Torino Pride. In testa, insieme alla sindaca Chiara Appendino, Vladimir Luxuria e il coordinatore del Torino Pride Alessandro Battaglia. “Sono molto soddisfatto, siamo molto contente e contenti perché il risultato è buonissimo e soprattutto è un parziale ritorno alla normalità”, spiega Battaglia. “Abbiamo dovuto contenere la nostra fantasia, però il risultato mi sembra interessante”, aggiunge. Al corteo hanno partecipato anche i candidati sindaco Stefano Lo Russo, del centrosinistra, e Valentina Sganga, del M5s. Assente il candidato del centrodestra Paolo Damilano. “Se lui ritenesse davvero che Torino è la capitale dei diritti forse avrebbe fatto bene a venire – commenta Battaglia – perché noi siamo elementi molto importante in materia di diritti”. Per Luxuria “è chiaro che Damilano debba rispondere al suo elettorato, Fratelli d’Italia e Lega hanno sempre parlato malissimo dei Pride. Adesso c’è anche il Popolo della Famiglia. Sicuramente. Damilano è una persona che non ha nessun problema sotto il punto dei diritti Lgbt, ma credo che sarebbe stato troppo imbarazzante per lui essere qui“, conclude sulla vicenda Luxuria. Secondo Battaglia “Torino può fare tantissimi passi in più e sarebbe molto importante che il prossimo sindaco fosse nella condizione di fare quei passi che ancora mancano. È mancata una strategia complessiva dei diritti Lgbt e non solo. Ed è mancato un po’ di denaro perché ce ne è bisogno, far stare bene i propri cittadini e le proprie cittadine è in primo compito di un sindaco”, conclude il coordinatore del Pride

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum cannabis, i promotori diffidano i Comuni che non stanno certificando le firme: “Ministero intervenga o lo metteremo in mora”

next
Articolo Successivo

San Marino alle urne per il referendum sull’aborto. I promotori: “Giorno storico. Ci proviamo da 18 anni, ma la Chiesa si oppone”

next