Era sottoposta a sequestro l’area ex Snai di Varedo, in provincia di Monza, dove questa mattina intorno alle 5:30 si è sviluppato un vasto incendio in un capannone di 20mila metri quadrati che conteneva rifiuti. Le fiamme, fanno sapere da Regione Lombardia, hanno interessato un’area di 6mila metri quadrati del capannone per circa 2mila tonnellate di rifiuti.
Proprio oggi sarebbero iniziate le procedure di asportazione dei rifiuti urbani indifferenziati, destinati a incenerimento. E quindi dalla Regione definiscono “sorprendente” la tempistica del rogo.
“Il ripetersi di questi episodi – ha spiegato l’assessore all’ambiente e clima – sta riaccendendo preoccupazione e allarme. La Regione sta continuando la propria attività di prevenzione, ma poi rimane il compito di sorveglianza e vigilanza, da parte degli altri organi competenti, delle situazioni come quelle dell’incendio odierno. Situazioni che sono già state oggetto di provvedimenti amministrativi e successivamente di sequestro da parte della Procura, ma poi rimangono non sufficientemente sorvegliate”. L’odore di bruciato è stato avvertito anche in alcune zone nord di Milano

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i dati – 3.525 contagi in 24 ore con 357mila tamponi: tasso di positività scende all’1%. Altre 50 vittime

next
Articolo Successivo

Milano, manifestanti no green pass provano a raggiungere il comizio di Giorgia Meloni in Duomo: tensione con la polizia

next