Lo stop alla retribuzione scatterà dal primo giorno di assenza ingiustificata sia nel settore pubblico che nel privato, ma non sarà accompagnato dalla sanzione disciplinare della sospensione. È la principale novità contenuta nel testo definitivo del terzo decreto legge sul green pass – che lo rende obbligatorio per 23 milioni di lavoratorifirmato martedì sera dal presidente della Repubblica ed entrato in vigore con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Rispetto alla bozza diffusa nei giorni precedenti, infatti, salta il passaggio che prevedeva che “a decorrere dal quinto giorno di assenza, il rapporto di lavoro è sospeso fino alla presentazione della certificazione”. Lo stipendio, però, resta congelato fino a quando il dipendente non risulta in regola con la certificazione verde.

Un altro contenuto inserito nella versione definitiva: il prezzo calmierato dei tamponi antigenici – che permettono di ottenere un pass della durata di 48 ore – è assicurato, oltre che dalle farmacie è “anche da tutte le strutture sanitarie convenzionate, autorizzate o accreditate con il Servizio Sanitario Nazionale e autorizzate dalle Regioni” all’erogazione dei test. Vengono inoltre stanziati 105 milioni di euro per garantire i tamponi gratuiti per chi è esentato dal vaccino, e confermate le sanzioni per le farmacie che non si adeguano: multe da mille a 10mila euro e la chiusura dell’attività per massimo cinque giorni. La validità del test molecolare per il pass è aumentata a 72 ore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Casinò di Venezia, il leghista Gianluca Forcolin è il nuovo presidente: ex consigliere regionale, fu “beccato” a chiedere il bonus da 600 euro

next
Articolo Successivo

L’immunologa Viola a La7: “Il bollettino dei nuovi positivi non ha più senso. Siamo in una fase post-vaccino, va seguito l’andamento dei ricoveri”

next