Un cartellino rosso al 67′. Questo il primo atto della brutta pagina di cronaca che si è consumata sul campo del Locarno, durante il match contro l’Unione Sportiva Semine, che si stava disputando sul campo di Bellinzona. Il giocatore allontanato dal campo sente qualcosa che non gli piace, per tutta risposta scaglia con violenza un parastinchi contro la panchina avversaria. Colpisce un giocatore, ferendolo. Succede il finimondo. All’arbitro non resta che sospendere la partita per motivi disciplinari e mandare tutti a casa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lettera con proiettili a casa di Marco Bentivogli, ex segretario Fim Cisl. “Hanno minacciato anche la scorta”

next
Articolo Successivo

Milano, rave party illegale in capannone dismesso: circa 300 partecipanti, 50 identificati. Area circoscritta

next