Chi vince alla lotteria, non è sempre così fortunato. O meglio qualcuno rinuncia alla propria fortuna, per disattenzione o di proposito. Secondo i dati dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli elaborati dall’Adnkronos, negli ultimi quattro anni circa l’1,56% dei 32 miliardi di vincite alla lotteria o agli altri giochi d’azzardo non è stato reclamato. Se la percentuale sembra irrisoria, non lo è di certo la cifra: si tratta infatti di più di 502 milioni di euro in premi, che nel corso del tempo sono andati all’erario italiano.

Nei giorni in cui fa ancora discutere il caso del tabaccaio di Napoli, denunciato per essere scappato dopo aver sottratto a un’anziana un Gratta e Vinci del valore di 500 mila euro, si scopre che c’è anche chi si disinteressa o dimentica delle eventuali vincite. Dal 2017 fino ad agosto 2021, una piccola percentuale dei giocatori non ha riscosso i propri premi, fino ad arrivare ad un totale di 502.455.754 di euro. Il periodo nero degli sbadati è stato il 2019. La somma non incassata dai vincitori delle lotterie istantanee è arrivata addirittura a superare i 213 milioni. Quell’anno la sorte aveva assegnato premi per circa 6,7 miliardi di euro. Pare quindi che gli smemorati siano aumentati rispetto al 2018. Allora, a fronte di una cifra complessiva simile, 6,8 miliardi, le vincite non riscosse erano state 161 milioni e mezzo. Invece nel 2017, il primo anno della rilevazione, dei più di 6,6 miliardi di premi ottenuti, 128 mila euro sono rimasti senza un padrone, per poi rientrare nelle casse dello Stato.

I dati dell’Agenzia guidata da Marcello Minenna si interrompono al 2020. Nell’anno della pandemia nessuna lotteria è stata chiusa, tra quelle attualmente ancora realizzate. Non è quindi possibile farsi un’idea dei mancati reclami di questo settore. Invece degli incassi dei Gratta e Vinci sì: sono stati in linea con quelli degli anni precedenti, 6 miliardi di euro in tutta Italia. Lo stesso vale per le vincite dei primi otto mesi del 2021 – anche in questo periodo circa 6 miliardi. Nell’ultimo anno i mancati reclami per lotterie concluse sono scesi notevolmente – per ora appena 9 milioni di euro – ma, come mostrano i dati precedenti, c’è ancora tempo perché il numero dei disattenti e dei rinunciatari ingrossi la cifra.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fusione Nexi-Sia, l’Antitrust apre un’indagine per valutare una possibile posizione dominante nei pagamenti digitali

next
Articolo Successivo

Commercio, Istat: “A luglio vendite al dettaglio in aumento anno su anno. I piccoli negozi fanno meglio dell’e-commerce”

next