Il tabaccaio che a Napoli ha sottratto a una anziana un Gratta e vinci da 500mila euro ha provato a lasciare l’Italia, ma è stato bloccato a Fiumicino dalla Polizia di frontiera in seguito all’alert diramato dai Carabinieri in tutto il territorio europeo.

L’uomo era in possesso di un biglietto per Fuerteventura ma non del tagliando vincente. I Carabinieri, subito contattati, lo hanno identificato e denunciato per furto, in stato di libertà. L’anziana era stata derubata del gratta e vinci milionario due giorni fa proprio dal tabaccaio dove aveva acquistato il tagliando ed a cui aveva chiesto una verifica della vincita.

Venerdì mattina la donna era andata nella tabaccheria che era solita frequentare ed ha giocato dei numeri al lotto e poi ha acquistato due Gratta e vinci. Il primo non conteneva alcuna vincita, il secondo invece il premio massimo: la donna però, non fidandosi della propria vista, ha chiesto conferma agli esercenti.

Un giovane dipendente della tabaccheria ha verificato il biglietto con l’apposito lettore ottico, poi lo ha consegnato a uno dei titolari che ha indossato il casco ed è fuggito in scooter. Non esistendo una fotocopia del tagliando vincente, è stato chiesto ai Monopoli di sospendere la validità dell’intero blocchetto da cui provenivano i Gratta e vinci acquistati dall’anziana.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bari, ragazzo di 30 anni muore dopo esser stato colpito durante una rissa. L’aggressore si consegna spontaneamente in caserma

next
Articolo Successivo

Alcamo, in quarantena perché positiva al Coronavirus va a un matrimonio: denunciate madre e figlia

next