Almeno 22 persone sono morte nelle ultime ore nel nordest degli Stati Uniti a causa delle inondazioni provocate dalla coda dell’uragano Ida. Secondo quanto riportano i media locali, 14 persone sono morte nel New Jersey e otto nella città di New York.

La pioggia incessante che accompagna l’uragano ha fatto scattare lo stato di emergenza a New York e nel New England, dove c’è la minaccia di altri tornado. La Fdr Drive di New York, un’importante arteria sul lato est di Manhattan, e la Bronx River Parkway erano sott’acqua già nella tarda serata di ieri. Stazioni e binari della metropolitana sono allagati: la Metropolitan Transportation Authority ha sospeso tutti i servizi.

L’ufficio del National Weather Service di New York ha dichiarato mercoledì notte la sua prima serie di emergenze relative a inondazioni improvvise nella regione, un livello di allerta riservato a “situazioni estremamente rare in cui una grave minaccia per la vita umana e danni catastrofici da un’inondazione improvvisa sta accadendo o accadrà presto”. New York City ha messo in atto un divieto di viaggio per tutti i veicoli non di emergenza. La tempesta ha attraversato gli stati dell’Atlantico centrale con almeno due tornado, i forti venti e le piogge torrenziali hanno fatto crollare il tetto di un edificio del servizio postale degli Stati Uniti nel New Jersey e hanno minacciato di invadere una diga in Pennsylvania.

Anche nel New Jersey sono state ore drammatiche. Il governatore Phil Murphy ha dichiarato lo stato di emergenza in tutte le 21 contee, esortando le persone a stare lontane dalle strade allagate. Le piogge torrenziali hanno provocato l’evacuazione di migliaia di persone dopo che l’acqua ha raggiunto livelli pericolosi in una diga vicino a Johnstown. Sono state segnalate centinaia di migliaia di persone senza elettricità nel New Jersey e in Pennsylvania. A Rockville, nel Maryland, l’acqua aveva quasi raggiunto i soffitti dei seminterrati quando le squadre sono arrivate in un complesso di appartamenti. Un 19enne è stato trovato morto, un’altra persona è scomparsa e circa 200 persone sono state evacuate da 60 appartamenti vicino a Rock Creek.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le inondazioni devastano le coste orientali della Spagna: le strade si trasformano in fiumi d’acqua e la corrente trascina sedie e tavolini

next
Articolo Successivo

Afghanistan, il capo di Stato maggiore Usa: “Consideriamo collaborazione con Talebani contro il terrorismo dell’Isis -k”

next