Sono due gli incidenti sul lavoro avvenuti nella stessa mattina di oggi 30 agosto che hanno provocato una vittima e un operaio ricoverato in codice rosso. L’incidente mortale è avvenuto a La Loggia, in provincia di Torino dove un autista è morto schiacciato dal proprio tir mentre stava scaricando la merce da portare sugli scaffali del supermercato “Il Gigante” della località torinese. Inutili i soccorsi prestati dal 118 arrivato sul posto. Le dinamiche dell’incidente sono ancora da chiarire, ma da una prima ricostruzione sembra che l’autista non avesse inserito il freno a mano prima di scendere dal mezzo. Sull’evento stanno indagando ora i carabinieri e i tecnici Spresal dell’Asl Torino 5. L’autista è solo l’ultimo dei tanti lavoratori che durante l’estate e in tutto il 2021 hanno perso la vita durante le loro attività: sono più di 500 i morti sul lavoro dall’inizio dell’anno, quasi tre vittime al giorno.

Nel Mantovano, invece, un operaio di 36 anni è stato trasportato d’urgenza all’ospedale di Parma dopo un incidente nel cantiere edile in cui stava lavorando, dentro il cortile di una scuola elementare di Asola. L’operaio, riferisce l’Agenzia regionale emergenza urgenza (Areu), è stato schiacciato dalla caduta di carichi sospesi, che gli ha causato un trauma cranico e un trauma toracico. Sul posto sono intervenuti l’elisoccorso e un’automedica, mentre l’episodio è ora al vaglio dei carabinieri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, le storie dei percettori (che non sono fannulloni): “Da settembre sarà l’unica entrata con cui sfamare i figli”. “Con il Covid ho perso ogni introito, ora non vivo in ansia costante”

next
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza, i percettori e il lavoro: “Continuo a cercare, offerte solo in nero e non più di 700 euro al mese. E sono laureato”. “Un posto ce l’ho, ma prendo 290 euro”

next