Un messaggio radio indirizzato agli alieni del pianeta Vulcano, nel sistema stellare 40 Eridiani. È stato questo il modo in cui la Nasa ha voluto festeggiare, il 19 agosto, il centenario della nascita dell’ideatore di “Star Trek” Gene Roddenberry. Con un messaggio audio di tre minuti inviato da una delle antenne della base spaziale americana, la Terra ha salutato il pianeta degli extraterrestri più iconici della saga fantascientifica, i vulcaniani, da cui proveniva anche il personaggio Spock. E ricordare lo sceneggiatore e produttore televisivo americano scomparso nel 1991 che, con la sua fantasia, ha creato un immaginario che ha affascinato tutto il mondo e che ancora oggi continua a ispirare scienziati e astronauti.

Celebre, dei vulcaniani di Star Trek, il saluto con le dita “a V“. Ma l’universo spaziale immaginato da Roddenberry non è rimasto solamente il soggetto di 700 episodi tv, 14 film e decine di libri e fumetti. E lo spiega Bill Nelson, amministratore della Nasa: “Per anni la rappresentazione immaginaria di Star Trek ha ispirato la Nasa nella ricerca di avventurarsi nel cosmo”, ha spiegato durante la giornata di celebrazione. L’universo di Star Trek ha permeato profondamente la società occidentale, finendo per guidare i progetti e le aspirazioni della compagnia spaziale americana: il nome del primo shuttle della Nasa fu “Enterprise”, lo stesso delle grandi navicelle spaziali della saga.

Per Nelson, Roddenberry “è stato di ispirazione per l’intero Paese e un uomo in anticipo sui tempi”, così affascinato dallo spazio da chiedere e ottenere che le sue ceneri venissero lanciate nel cosmo. “Gene Robbery aveva la visione di un futuro in cui diversità e tolleranza sono incoraggiati”, si legge sul sito della Fondazione per i diritti e l’innovazione intitolata a suo nome, “un futuro dove l’inclusività e l’ugualianza sono la norma”. In occasione del suo centesimo compleanno, tanti sono stati gli auguri sui social da parte di scienziati, personaggi noti e appassionati di fantascienza. Tutti rigorosamente con il tradizionale saluto vulcaniano.

Articolo Precedente

Covid, più contagi più ricoveri e morti di un anno fa? L’epidemiologo dell’Iss: “La variante Delta tre volte più trasmissibile. Il vaccino sta contenendo le infezioni: senza avremmo chiuso tutto”

next
Articolo Successivo

Covid, Astrazeneca: “Una combinazione di anticorpi riduce del 77% il rischio di sviluppare la malattia sintomatica”

next