Ci sentiamo traditi. I nostri collaboratori hanno creduto in noi e ora sono abbandonati e rischiano a vita. Abbiamo lasciato collaboratori a Kabul e non sappiamo ora come aiutarli, come dobbiamo fare. Donne che non possono muoversi, che hanno collaborato con noi, che abbiamo formato, ostetriche, medici, che lavoravano con noi e ora sono abbandonati”. Mostra poco sollievo Ale Furiake, medico afghano che lavora con l’Agenzia italiana per la Cooperazione e si trovava sull’aereo arrivato oggi a Fiumicino proveniente da Kabul. Prevale infatti la forte preoccupazione e la rabbia per il proprio Paese lasciato nelle mani dei Talebani dopo il precipitoso ritiro delle truppe Nato, che l’uomo esterna ai giornalisti presenti nello scalo romano. “. I nostri ospedali – racconta – sono abbandonati, non hanno farmaci, e i malati muoiono. I bambini non hanno da mangiare. È una situazione disastrosa“. “Io – racconta l’afghano – sono un medico rifugiato che ha collaborato a progetti sanitari a Kabul e nelle province. Abbiamo costruito progetti e ora sono abbandonati. Avevo creduto molto nella transizione e ora sono deluso”.
E la speranza sembra ora una parola vuota per chi era già scappato dal proprio Paese nel 1984 e vi era tornato quando l’intervento della coalizione internazionale nel 2001 aveva fatto pensare che un altro Afghanistan fosse possibile. “Dopo venti anni come faccio a parlare di speranza?“, chiede. La consolazione è che in Italia si ricongiungerà con la famiglia, già tornata in precedenza

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Afghanistan, caos all’aeroporto di Kabul preso d’assalto dagli abitanti in fuga. Cnn: “Spari contro militari Usa, uccise due persone”

next
Articolo Successivo

Afghanistan, si torna alla casella di partenza: ecco tutti gli errori Usa

next