Come a scuola, anche nelle aziende. L’ultimo decreto del governo ha previsto l’obbligo per il personale scolastico di presentarsi in classe con il green pass, pena la sospensione senza retribuzione a partire dal quinto giorno di assenza. Il tema lavoro invece è rimasto fuori dal testo e ora dal segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, in un’intervista a La Repubblica, arriva un monito al premier Mario Draghi: “Non è accettabile introdurre una logica punitiva e sanzionatoria nei confronti di chi lavora”. L’obbligo di green pass per i lavoratori è sbagliato, secondo il leader del sindacato, che mette nel mirino anche la norma introdotta sempre con l’ultimo decreto: nelle mense aziendali, come nei ristoranti, serve il certificato verde. “Mi domando se chi ha deciso questa regola sia stato negli ultimi tempi dentro una mensa aziendale. Beh, dovrebbe andarci”, dice Landini.

“Dopo i protocolli sulla sicurezza che abbiamo sottoscritto attraverso il distanziamento, l’uso delle mascherine, la sanificazione, lo smart working e diversi turni di lavoro, i luoghi di lavoro sono sicuri. Nessuno può – sottolinea Landini – sostenere che gli uffici o le fabbriche costituiscano oggi potenziali focolai per la diffusione del virus. Non deve passare il messaggio sbagliato che i vaccini e il green pass, pur fondamentali, da soli siano sufficienti a sconfiggere il virus. Non è così, purtroppo”. Al momento, però, l’estensione del certificato verde non prevede parallelamente una rilassamento delle altri misure anti-Covid. “Se il governo pensa che il vaccino debba essere obbligatorio, lo dica e approvi una legge. Abbiano il coraggio di farlo! Non si può pensare di raggiungere il medesimo obiettivo in maniera surrettizia, a danno di chi lavora”, sostiene Landini.

Il segretario della Cgil propone “una grande campagna di informazione e sensibilizzazione perché le persone si vaccinino. Da tempo – ricorda – chiediamo di rafforzare e mettere in sicurezza il trasporto pubblico locale, le ferrovie regionali, di superare il sovraffollamento delle classi anche attraverso nuove assunzioni di personale docente. Invece rischia di rimanere tutto fermo allo scorso anno”. “Quel che sto cercando di dire – prosegue poi Landini – è che insieme al green pass e alle vaccinazioni servono altri interventi strutturali per risolvere una volta per tutte il problema del coronavirus. Non possiamo abbassare la guardia“. “È il lavoro che ha tenuto in piedi questo Paese nei momenti più difficili della pandemia. Ora – ribadisce il leader Cgil – è inaccettabile che si scarichi sul lavoro, con sanzioni e punizioni, responsabilità che – ripeto – non ha“.

Landini poi parla anche dell’incontro in programma oggi (lunedì 9 agosto) con il ministro del Lavoro Andrea Orlando sulla riforma degli ammortizzatori sociali: “Cosa chiediamo al governo? Che la riforma vada nella direzione di un sistema universalistico di ammortizzatori sociali. Vuol dire che tutti i settori, indipendentemente dalle dimensioni delle imprese, devono contribuire al finanziamento degli ammortizzatori sociali”. “In altri termini ciò vuol dire che gli attuali istituti, dai contratti di solidarietà alla cassa integrazione ordinaria, a quella straordinaria, alla Naspi devono essere a disposizione di tutti coloro che lavorano – spiega Landini – Un sistema di questo tipo dovrà essere la base per accompagnare nei prossimi nei cinque, dieci anni la riconversione ambientale e produttiva”. Ma, prosegue il segretario della Cgil, “chiediamo anche una legislazione che impedisca i comportamenti da Far West assunti negli ultimi tempi da multinazionali che hanno preso soldi e poi se ne sono andate. Non deve essere più possibile che si possa licenziare dalla sera alla mattina perché le imprese decidono di chiudere le fabbriche per andare a produrre dove è più conveniente“. “Occorre mettere vincoli sociali ad un mercato divenuto selvaggio – conclude il segretario della Cgil -. Credo sia arrivato il momento di parlare seriamente di responsabilità sociale delle imprese, proprio come stabilisce anche la nostra Costituzione“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stagionali, anche in Sicilia condizioni fuori da ogni regola tra turni infiniti e ore in nero: “Controlli? Pochi e niente multe” – VIDEO

next
Articolo Successivo

Foggia, un operaio di 47 anni muore schiacciato da una lastra di calcestruzzo

next