La giunta regionale del Piemonte guidata dal forzista Alberto Cirio si è rivolta al Garante della privacy “per avere conferma che agli esercenti privati non possano, e non debbano, essere attribuite funzioni tipiche dei pubblici ufficiali“. Il riferimento è all’obbligo di green pass per bar e ristoranti al chiuso, su cui il controllo – in base al decreto legge che entra in vigore dal 6 agosto – spetta ai titolari degli esercizi. Ad annunciare l’iniziativa piemontese è l’assessore agli Affari legali Maurizio Marrone (Fratelli d’Italia), secondo cui “hanno ragione le associazioni di commercianti ed esercenti quando affermano che un ristoratore non ha alcun obbligo e titolarità di identificare i propri clienti esigendo l’esibizione dei documenti di identità, quantomeno nell’ordinamento giuridico italiano (il green pass contiene le generalità dell’intestatario, ndr)”.

Marrone chiede che non ci sia “nessuna sanzione e misura repressiva finché non verrà fatta chiarezza dall’autorità preposta alla tutela dei dati personali. Questo governo – argomenta – non può permettersi di calpestare secoli di Stato di diritto in nome dell’emergenza sanitaria. Noi di Fratelli d’Italia abbiamo sempre sostenuto che il green pass fosse una misura discriminatoria tra cittadini, illogicamente svincolata dall’andamento dei dati sanitari, e inutilmente penalizzante nei confronti dei settori del turismo, della ristorazione e della cultura che stavano faticosamente affrontando la ripresa. Ora i nodi vengono al pettine”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gimbe: “Crescita contagi rallenta, incidenza sopra 150 in 4 Province. Netto incremento dei ricoveri: +36,5% in terapia intensiva”

next
Articolo Successivo

Alto Adige, l’Isarco in piena fa paura: posizionate barriere a Chiusa per contenere l’acqua. Allerta allagamenti in tutta la zona (video)

next