Non è la nostra riforma ma abbiamo contribuito a migliorarla. Abbiamo detto che non si può transigere sui processi di mafia e terrorismo e lo abbiamo ottenuto”. Lo ha detto il leader in pectore del M5s, Giuseppe Conte, ai cronisti al temine del Consiglio dei ministri, dove, dopo lunghe ore di trattativa, si è raggiunta una prima intesa sulle modiche al testo Cartabia sulla riforma del processo penale. “Devo dire – ha aggiunto Conte – che sono molto rammaricato perché dalla Lega c’è stata una durissima opposizione” all’allungamento dei tempi di prescrizione “per i processi per mafia“. Defezioni M5s? “Noi siamo una grande famiglia, esamineremo nei dettagli il testo e sono fiducioso che nella discussione generale saremo compatti. Questi sono miglioramenti che omaggiato tutte le vittime della mafia”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Toscana, la Lega sommerge di emendamenti la riforma della legge sulle case popolari. Rischi di ritardi i bandi di assegnazione

next
Articolo Successivo

Roma, il candidato di centrodestra Michetti abbandona il primo confronto pubblico: “La rissa no”. Calenda: “È solo un dibattito…”

next