Oppo A53 è uno smartphone economico che ha esordito da poco nel nostro Paese. Caratterizzato da una scheda tecnica interessante, ha un prezzo inferiore ai 200 euro. Ora però, grazie a uno sconto del 22%, è possibile trovarlo a un prezzo più vicino ai 100, rendendolo così particolarmente appetibile. Tre shop online lo propongono infatti a 139,99 anziché 179,99 euro, a voi la scelta su dove acquistarlo: su Amazon, Unieuro o Comet.

Cuore pulsante dell’Oppo A53 è rappresentato dal processore Qualcomm Snapdragon 460, abbinato a 4 GB di RAM e a 64 GB di memoria interna. Il display fa uso di un ampio pannello IPS LCD da 6,5 pollici con risoluzione Full-HD+ (1080 x 2400 pixel) e rapporto di forma in 20:9. Il pannello inoltre occupa gran parte della superficie frontale grazie alla scelta di integrare la fotocamera anteriore da 8 Mpixel all’interno di un foro. Sul retro invece troviamo un comparto fotografico con quattro fotocamere: sensore principale da 13 Mpixel f/1.8, macro da 2 Mpixel f/2.4 e infine altro sensore da 2 Megapixel per la profondità di campo.

Per andare incontro alle esigenze dei più giovani, ci sono alcune soluzioni software per la creazione di video, come 4K Video Shooting, che consente registrazioni più chiare e stabili o il software di montaggio video SOLOOP. La piattaforma software è affidata ad Android 10 con l’interfaccia grafica proprietaria ColorOS 7. Il tutto è alimentato da una batteria da 5000 mAh.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Samsung, lo smartphone pieghevole Galaxy Z Fold 3 potrebbe essere accompagnato da una speciale custodia per ospitare la S Pen?

next
Articolo Successivo

Apple: usare l’NFC per i pagamenti è più rischioso sugli smartphone Android. Ma Google non ci sta

next