Il Senato ha approvato la fiducia posta dal governo sul decreto Recovery. I sì sono stati 213, i no 33. Il provvedimento è quindi approvato in via definitiva dal Parlamento a due giorni dalla scadenza del 30 luglio. Temi del decreto la governance del Piano nazionale di ripresa e resilienza e le misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di snellimento delle procedure. Anche nella lettura alla Camera, la scorsa settimana, il governo aveva blindato con la fiducia il testo.

Il testo assegna a Palazzo Chigi le responsabilità di indirizzo nella gestione del Pnrr, mentre controllo e rendicontazione sono affidate alla Ragioneria generale e il compito di realizzare gli interventi a ministeri, Regioni ed enti locali. La governance è incentrata sulla cabina di regia presieduta dal presidente del Consiglio. Il provvedimento istituisce anche tavolo permanente per il partenariato economico, sociale e territoriale. La seconda parte del testo riguarda invece la semplificazione in settori come opere pubbliche, transizione ecologica e digitalizzazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforma Cartabia, Conte: “Il Parlamento decide la priorità dei reati da perseguire? Norma critica”

next
Articolo Successivo

Bob Odenkirk, l’attore di “Breaking Bad” e “Better Call Saul” collassato sul set: la corsa in ospedale

next