Il 37% delle prescrizioni sopraggiunge durante la fase delle indagini preliminari; e altrettanto succede prima della fine del primo grado. È una percentuale importante ed è un problema da aggredire”. Sono le parole della ministra della Giustizia, Marta Cartabia, nel corso della conferenza stampa a Palazzo Chigi di giovedì scorso con la quale ha spiegato alcuni punti della riforma che sta promuovendo insieme al governo guidato da Mario Draghi. A proposito di ciò, la Guardasigilli ha detto che “lo Stato, in materia di giustizia, sta facendo un grosso investimento, forse come non succedeva da tanti anni a questa parte, proprio per evitare che le lungaggini producano queste prescrizioni“.

Nel 2020, secondo i dati del dicastero di via Arenula, si sono prescritti 84.804 procedimenti, ben 27.859 in meno rispetto all’anno precedente (anche se va considerato che il 2020 è l’anno del Covid). Ad andare in fumo durante l’indagine preliminare con sentenza di archiviazione sono stati 31.616 fascicoli, 7.787 i processi prescritti in fase di processo celebrato con l’abbreviato, 1.257 davanti al giudice di pace, 22.751 davanti al tribunale e in 21.393 in Appello. Il 37% dei procedimenti prescritti durante le indagini preliminari è comunque un miglioramento rispetto agli anni precedenti: nel 2019 erano 43.745 (circa il 40%), l’anno prima 51.655 (circa il 43%), nel 2017 addirittra il 66%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforma Giustizia, La Russa a La7: “FdI è favorevole a escludere reati di mafia dall’improcedibilità. Deve esserci il tempo per finire i processi”

next
Articolo Successivo

Covid, l’appello del ministro Bianchi a professori e studenti: “Vacciniamoci tutti” – Video

next