La giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma, Maria Paola Tomaselli ha archiviato definitivamente la denuncia-querela per truffa contro Roberto e Adriano Panzironi presentata nel 2018 dall’Ordine dei Medici del Lazio. La denuncia si riferiva a Life120, il regime alimentare che secondo i due fratelli dovrebbe far vivere le persone fino 120 anni grazie all’uso degli integratori prodotti dagli stessi Panzironi.

Panzironi, giornalista e volto della trasmissione Life120, era già stato multato dall’Agcom per 264mila euro nel 2019, dopo la sospensione dei suoi programmi tv e l’espulsione dall’Ordine dei giornalisti. Le sue idee, ritenute antiscientifiche, promettevano anche di curare malattie come il cancro e il diabete. Nonostante le sanzioni, Panzironi non ha mai smesso di professarsi “guru” di una dieta rivoluzionaria, arrivando persino a tenere un incontro dentro il palazzo dell’Eur a Roma.

Riguardo alla denuncia da parte dell’Ordine dei Medici, per il gip “non risultano sussistenti gli elementi costitutivi del reato di truffa” e “le condotte poste in essere dagli indagati non possono qualificarsi quali ingannevoli non commercializzando i Panzironi prodotti diversi o con caratteristiche non conformi a quanto indicato”. Ancora, per il giudice le modalità online di vendita non appaiono tali da impedire controllo o verifica agli acquirenti” e infine “non risulta presentata alcuna querela da parte dei soggetti realmente legittimati in quanto destinatari” dello stile di vita Life 120.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grafica Veneta, verbali dei lavoratori pakistani picchiati: “Ci hanno legato mani e piedi e presi a calci. Minacciate anche le nostre famiglie”

next
Articolo Successivo

Con la riforma Cartabia rischiano di andare in fumo anche i processi per reati commessi prima del 2020. Il precedente della Consulta (e la ministra era giudice)

next