Tragedia a bordo di un volo Ryanair: un passeggero di 84 anni è morto molto probabilmente a causa di un attacco di cuore. È successo lunedì 19 luglio a bordo di un volo partito da Manchester, nel Regno Unito, e diretto a Malaga, in Spagna, come riferisce il tabloid britannico Sun. L’uomo ha perso i sensi poco dopo il decollo e sono stati inutili tutti i tentativi di soccorso: il personale di bordo è subito intervenuto attivando la procedura di emergenza e ha anche chiesto se ci fosse un medico tra i passeggeri.

Si sono qualificate una formatrice medica e un’infermiera che gli hanno praticato per 25 minuti il massaggio cardiaco con il defibrillatore, ma invano. L’uomo era deceduto. A quel punto, il pilota ha deciso di fare un atterraggio di emergenza a Nantes, in Francia: “I paramedici sono intervenuti – ha dichiarato il medico che l’ha soccorso al Manchester Evening News- e l’hanno portato fuori dall’aereo, ma non ce l’ha fatta. L’equipaggio era un po’ scosso e necessitava di tempo per riprendersi. I defibrillatori di solito sono molto efficaci e salvano vite. Purtroppo in questa occasione non è andato tutto a buon fine“. La compagnia aerea irlandese, tramite un portavoce, ha fatto “le sue più sentite condoglianze alle persone in lutto e sta fornendo tutta l’assistenza necessaria”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Porta il figlio della fidanzata a scalare ma cade e perde la vita: il bambino scende da solo

next
Articolo Successivo

Scoprono di essere fidanzate con lo stesso uomo e decidono di affrontarla ‘a modo loro’

next