Sono 2.072 i positivi al test del Sars-CoV-2 registrati nelle ultime ventiquattr’ore in Italia, oltre mille in meno di ieri (erano stati 3.127). Le nuove vittime sono 7 (ieri erano state 3). I tamponi effettuati sono stati 89.089 (47.225 molecolari e 41.864 antigenici) per un tasso di positività che tocca il dato più alto degli ultimi mesi: è al 2,3% (ieri era all’1,9%). Intanto un italiano su due di quelli vaccinabili ha completato il ciclo con entrambe le dosi: gli immunizzati sono 27.311.228, pari al 50,57% della popolazione over 12.

Il saldo quotidiano tra ingressi e uscite nei reparti di terapia intensiva segna +6, frutto di 16 nuovi ingressi e 10 dimissioni. I posti letto ad alta intensità occupati in Italia sono 162, per un tasso di occupazione da parte dei pazienti Covid all’1,9%. Per quanto riguarda, invece, i reparti ordinari, i nuovi posti letto occupati sono 52 e il totale sale a 1.188 (tasso di occupazione al 2,1%).
Gli attualmente positivi sul territorio nazionale sono 47.525, 1.412 in più del giorno precedente. Di questi, lo 0,34% è ricoverato in terapia intensiva, il 2,50% nei reparti ordinari. La regione che ne conta di più è la Lombardia (7.581, 208 nuovi casi), seguita dal Veneto (7.038, 238) e dalla Campania (7.262, 151). Il maggior numero di nuovi positivi giornalieri si registra invece nel Lazio (ben 434), seguito dalla Sicilia (300). Nessun nuovo contagio in Basilicata e Valle d’Aosta, solo 2 in Molise e nella provincia di Bolzano, 4 in quella di Trento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Studenti bloccati a Malta, atterrati a Fiumicino i primi 58 che erano in quarantena: “Partiti solo i negativi. Situazione gestita non benissimo”

next
Articolo Successivo

Venezia, finalmente la rinascita dopo la liberazione dal giogo delle grandi navi

next