A 29 anni dalla strage di via d’Amelio, PaperFirst pubblica il podcast dell’evento di presentazione del libro La casa di Paolo, scritto da Marco Lillo e Sara Loffredi, al quale parteciparono il procuratore Nicola Gratteri e in collegamento Salvatore Borsellino, autore della prefazione del libro.

“Non è facile raccontare la vita di Paolo Borsellino a dei ragazzi di 13 o 14 anni che di quella storia non sanno nulla – racconta Marco Lillo -. Quello che abbiamo cercato di fare con questo libro è stato smontare il mito del supereroe, perchè tutti possiamo e dobbiamo fare antimafia. Dobbiamo cercare di far passare la cultura della legalità alle generazioni che ci seguiranno e dobbiamo cercare di non far cadere il messaggio che Paolo Borsellino ci ha trasmesso sacrificando la sua vita”.

Una storia di speranza e di vita, raccontata in modo semplice, per spiegare ai ragazzi chi era Paolo
Borsellino e perchè non va dimenticato.
«Io credo – termina così Salvatore Borsellino – che il sogno di Paolo fosse un sogno così grande che non può morire, perchè i sogni d’amore non possono morire».

La casa di Paolo, presentato nel 2020 all’interno della rassegna letteraria Risguardi a Roseto Capo Spulico, è in libreria per PaperFirst.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Green Pass, verso utilizzo graduale in base al quadro di ogni regione. I nuovi criteri: con le intensive occupate al 5% si va in zona gialla

next
Articolo Successivo

Strage di via D’Amelio, a Milano l’evento in ricordo di Paolo Borsellino: segui la diretta

next