Laura Bovoli, madre dell’ex premier Matteo Renzi, è stata assolta dal tribunale di Cuneo dall’accusa di concorso in bancarotta fraudolenta documentale per il fallimento di una società cuneese, la Direkta srl, che si occupava della diffusione di materiale pubblicitario della grande distribuzione. La decisione è arrivata dopo un’ora di Camera di consiglio. Bovoli non era presente in aula. La Direkta è fallita nel 2012, quando la madre dell’ex premier era alla guida della “Eventi6” di Rignano sull’Arno, che riceveva appalti pubblicitari da grandi catene di supermercati.

La ‘Eventi6’, per la distribuzione dei depliant promozionali, si affidava anche alla Direkta, che a sua volta subappaltava le consegne. L’accusa della Procura di Cuneo a Bovoli era di aver collaborato con il titolare della Direkta, Mirko Provenzato – che ha patteggiato tempo fa – nel falsare i conti della società. Gli avvocati Stefano Bagnera e Dora Bisson, difensori di Bovoli e di un altro imputato (anche lui assolto), hanno chiarito che le lettere contestate dalla Procura non avevano avuto alcuna influenza sulla contabilità della Direkta e, quindi, sul fallimento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Santa Maria Capua Vetere, Draghi e Cartabia acclamati al grido “indulto, indulto” dai detenuti del carcere teatro delle violenze

next
Articolo Successivo

“Era a disposizione della cosca Alvaro”: condannato a 12 anni ex sindaco di Delianuova Rossi. Assolto l’ex consigliere Nociti

next