“Gli appelli alla mediazione della Lega non sono credibili”. Ne è convinta la capogruppo di LeU in Senato, Loredana De Petris. La senatrice, in un duro intervento durante le dichiarazioni di voto sulle pregiudiziali riguardanti il Ddl Zan ha sottolineato la “poca coerenza” della Lega, rivolgendosi a Matteo Salvini, intervenuto subito prima di lei: “Perché quest’appello a rispettare i diritti e la libertà lei non l’ha fatto ai suoi alleati in Ungheria, a Orbàn, con cui ha firmato il documento?”. Secondo De Petris anche le stesse pregiudiziali sollevate dal Carroccio smentiscono qualsiasi ipotesi di mediazione: “Quando ci si appella alla mediazione bisogna anche sapere esattamente quello che si scrive – spiega – la prima parte della pregiudiziale a firma Pillon, mette apertamente in discussione la stessa legge Mancino, cioè la base del ddl Zan”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Renzi indagato, l’ex premier: “Niente da nascondere”. Poi attacca: “Non ho paura di nessuno, non mi fermeranno”

next
Articolo Successivo

Pd, Letta si candiderà alle suppletive di Siena: “Serve un segretario in Parlamento, i gruppi sono falcidiati dalla sconfitta del 2018”

next