Sono 1.289, 70 sterline (1500 euro circa) quelle che il 41enne medico Muhammed Murtaza si è trovato addebitate sul conto corrente. Acquisti fatti da Apple. Che sarà mai, avrà pensato il medico, padre di tre figli? Un errore? Impossibile che qualcuno nella sua famiglia abbia pensato di spendere una cifra simile, viste le difficoltà per tirare avanti. E invece, a ben guardare, nessun errore ma acquisti reiterati e legati al videogioco Dragons, l’ascesa di Berk. Artefice degli acquisti, il figlio Ashaz, di 7 anni. Siamo a Colwyn Bay nel Galles e la storia la racconta il Sun. Il medico, poco esperto di smartphone collegati alla carta di credito, non ha pensato che i figli potessero spendere cifre del genere per giochi ‘gratuiti’ e non ha quindi controllato il dispositivo. Si è rivolto subito alla Apple pensando di avere un rimborso che c’è stato, sì, ma di 207 sterline. “Ben fatto, mi avete derubato, siete riusciti a derubare mio figlio”, ha detto al servizio clienti e ha quindi raccontato al Sun di essere stato costretto a vendere l’auto, una Toyota Aygo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stati Uniti, fulmine cade sul vialetto di casa a pochi centimetri dal proprietario: la scena ripresa dalla videosorveglianza

next
Articolo Successivo

Mangiare cibo quasi scaduto: la nuova moda che spopola tra i giovani. Ecco perché

next