“Mettiamo un po’ di ordine anche nei termini. Il termine mediazione non è corretto. Dal nostro punto di vistatenere fuori dalle tutele e dalle protezioni tutte le persone trans o in transizione, non è una mediazione”. Lo ha detto capogruppo del Pd Simona Malpezzi, intervenendo nell’Aula del Senato prima del voto che ha deciso la calendarizzazione del ddl Zan per il 13 luglio. Malpezzi ha attaccato la Lega che oggi ha proposto, comunicandola come un tentativo di mediazione, un testo che piace anche ai renziani ma che stravolge la proposta di legge originale, eliminando alcuni capisaldi come la tutela dalle discriminazioni fondate sull’identità di genere e le iniziative didattiche per la giornata internazionale contro l’omotransfobia.“Il ddl Ronzulli-Salvini – ha aggiunto è completamente antitetico al ddl Zan perché scardina la legge Mancino. Noi Andiamo avanti convinti che una data certa conceda il diritto al Parlamento di svolgere il proprio lavoro di legislatore, senza tirare in ballo governo. Non c’entrano le maggioranze vecchie o nuove, la legge Zan è una legge che questo Paese non ha e che persone che rischiano la vita aspettano”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ddl Zan, l’irrituale intervento di Casellati in Senato: la presidente invita a votare a favore del rinvio proposto da Forza Italia

next
Articolo Successivo

Lecco, autista mette in salvo 24 ragazzini da un incendio di un bus in galleria. Nessun ferito

next