La protesta pacifica, dopo il caso di coronavirus in un reparto, con la battitura alle sbarre. Il giorno dopo, il pestaggio con manganellate, calci e pugni a opera degli agenti della penitenziaria. In una video-intervista del 17 aprile del 2020 Salvatore Quaranta, ex detenuto del carcere di Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta, ha denunciato la violenza subita, insieme a numerosi altri detenuti, lunedì 6 aprile da parte delle forze dell’ordine: “Ci hanno massacrati di botte, ci facevano passare nei corridoi e lungo le scale, in mezzo a due file di poliziotti in tenuta anti-sommossa, e ci picchiavano. Piangevamo dal dolore e tremavamo dalla paura”. Il caso è esploso dopo che il quotidiano Domani ha pubblicato il video dell’accaduto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Variante Delta, Pregliasco: “Tra 2 o 3 mesi avremo la stessa situazione dell’Inghilterra. Mascherina chirurgica? Meno efficace, ma non inutile”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, 85% dei comuni bergamaschi non ha avuto casi nell’ultima settimana. Val Seriana Covid free

next