Il gip del tribunale di Potenza Antonello Amodeo ha disposto la scarcerazione di Piero Amara, il 52enne ex legale esterno dell’Eni arrestato lo scorso 8 giugno per corruzione in atti giudiziari nei confronti dell’ex procuratore di Trani e Taranto Carlo Maria Capristo, insieme al poliziotto Filippo Paradiso, all’avvocato Giacomo Ragno e al consulente di Ilva Nicola Nicoletti. L’interrogatorio di garanzia si era svolto il 10 giugno scorso. Ad Amara è stato imposto l’obbligo di dimora nel comune di Roma.

Il pubblico ministero non si è opposto alla scarcerazione. Secondo il giudice, le esigenze cautelari nei confronti di Amara non sussistono in quanto i fatti per cui è stato arrestato risalgono a prima del 2018, quando l’avvocato ha scelto di iniziare la collaborazione con la procura di Milano, che lo indaga per depistaggio a proposito della presunta corruzione internazionale di Eni in Nigeria (tutti gli imputati sono stati assolti in primo grado).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Enigate

di Claudio Gatti 15€ Acquista
Articolo Precedente

Imprenditore milanese evadeva il fisco dagli arresti domiciliari (per reati tributari). “Niente imposte né contributi per un decennio”

next
Articolo Successivo

Vittorio Sgarbi prosciolto dalle accuse di aver certificato come autentiche opere d’arte ritenute false

next