Il set del film “La Sirenetta“, in Sardegna, è diventato un focolaio: 14 i casi di variante Delta del Covid individuati su altrettanti tamponi eseguiti nella zona interessata dalle riprese. Il sequenziamento della variante è stato eseguito dal laboratorio di Microbiologia e virologia dell’Aou di Sassari su 15 tamponi che avevano mostrato una reazione diversa da quella tipica della variante inglese del Covid 19: di questi, 14 sono legati al cluster sviluppatosi all’interno della troupe Disney impegnata nelle riprese del remake della “Sirenetta” con protagonista l’attrice Halle Berry, mentre l’altro riguarda una persona proveniente dall’estero.

Venerdì scorso lo screening sull’intera popolazione di Trinità era stato completato con 450 tamponi negativi su 450, facendo ritenere che il cluster fosse stato isolato attraverso le misure adottate per scongiurare ulteriori possibilità di contagio: coprifuoco in tutto il paese, con divieto per i residenti di spostamento dal territorio comunale tra le 23.30 e le 5 fino al 27 giugno, e quarantena per circa 100 persone. Era emersa la presenza di due focolai: quello più significativo interessa oltre 15 dei 26 positivi censiti ed era stato rilevato nell’albergo dell’Isola Rossa in cui soggiorna la troupe Disney, i cui ciak sono stati sospesi, il secondo in un locale pubblico frequentato dalla troupe per colazione, con poco meno di 10 persone coinvolte. Altri 2 positivi erano stati registrati a Palau: una donna e il compagno, che opera in una agenzia di autonoleggio che esegue i servizi di trasporto della troupe Disney.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Steven Spielberg e Netflix, via libera all’accordo per produrre film insieme dalla fine del 2021

next
Articolo Successivo

Good time for a change al MIX Festival di Milano: il documentario con i retroscena sulla storia di Gianmarco Negri, il sindaco transgender che ha battuto la Lega

next