Ebrima Darboe, giocatore della Roma, è tornato in Gambia dopo tanto tempo per festeggiare con la sua famiglia e i suoi amici d’infanzia. “Dopo cinque anni tornare a casa e riabbracciare mia madre è la cosa più bella che potessi vivere. Grazie a tutti per le preghiere per me”, sono state le parole del centrocampista in un video sui social, mentre abbraccia la famiglia nel quartiere dove è cresciuto. Il calciatore gambiano è arrivato in Italia, insieme ad altri migranti, quando era molto giovane ed è stato incluso nel progetto Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo) e successivamente affidato a un assistente sociale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fiorentina e Gattuso si separano: clamoroso addio a 20 giorni dall’accordo. Dietro alla rottura c’è il maxi-procuratore Jorge Mendes

next
Articolo Successivo

Gianluigi Buffon torna a casa 20 anni dopo. Il sorpasso a Nista e Bucci, la contesa tra Sacchi e Maldini: così a Parma nacque la leggenda

next